Tre gradi di giudizio con sentenza emessa via Twitter. La politica 3.0 che non può attendere i tempi della Giustizia.

Non possiamo attendere i tempi della Giustizia. Parola del Premier Conte. Sono sostanzialmente d’accordo ma soltanto perché il Governo si è insediato da meno di 3 mesi. Infatti se i tempi della Giustizia vengono valutati come eccessivi dal Governo sarebbe il caso che lo stesso – visto che a loro compete – mettesse in atto le riforme necessarie a renderli accettabili.

Quello che non condivido sono le affermazioni, abbastanza circostanziate, sulle responsabilità e sulle cause del disastro senza che sia stata chiusa neppure un’inchiesta o le indagini che sono i passi precedenti e propedeutici al processo.

Pur essendo d’accordo con il pensiero dei tre ministri riguardo l’ipotesi di una omissione nei controlli e/o degli interventi da parte del gestore rimane un mio pensiero. Probabile che si arrivi a questa conclusione anche nelle sedi deputate ma allo stato attuale si tratta ancora di ipotesi.

Sono anche profondamente d’accordo sulla revoca della concessione – perché dubito si possano revocare tutte quelle del gruppo visto che dovrebbero essere separate – già in via preventiva vista la gravità e che vengano chiesti risarcimenti. Poi se eventualmente Autostrade dovesse prevalere in tribunale chiederà essa i danni per l’inguista revoca.

Diverso è che dei Ministri a meno di 48 ore dai fatti affermino in modo netto che si tratti di “mancata manitenzione“, indicandola come causa del crollo. Addirittura Di Maio su Facebook:

La società Autostrade per l’Italia è sicuramente responsabile per non aver fatto la manutenzione.

Luigi Di Maio (FB 15-08-2018)

Affermazioni così forti espongono chi a ripercussioni penali qualora venisse dimostrato il contrario, ma sappiamo anche che i nostri cittadini nelle istituzioni non sono proprio cittadini comuni in quanto tutelati dell’immunità parlamentare.

Infine volevo far notare come i nostri illustri rappresentanti sono bravi a portare tutto in vacca anche per un fatto così grave.

Questo scrive il Ministro Toninelli ma affermano anche i gialli stellati duri e puri. È vero? Probabile, non sarebbe una novità che le grosse società con interessi sul pubblico foraggino i partiti a 360°. Ma non facciano gli splendidi con la storia del noi del M5S perché da queste parti non si abbocca. Le concessioni sono state date nel 2008 e – pare – che tutti i partiti di allora abbiano preso la loro fetta di donazioni. Eccetto il MoVimento è vero. Ma semplicemente perché nel 2008 non esisteva ancora.

Loro hanno semplicemente fatto quelli che i loro elettori vogliono e di cui ho già scritto. Hanno individuato il bersaglio e lo hanno messo nelle mani del popolo rabbioso perché questo possa sfogare il peggio che è in lui. I fatti sono gravi e la rabbia è tanta compresa la mia. I colpevoli – se ci sono – vanno individuati alla svelta e puniti in modo esemplare. Le istituzioni devono favorire questo, senza affrettarsi in sentenze che portano al solo risultato di soffiare sul fuoco della rabbia popolare.

Ma sappiamo che per loro stessa ammissione sono fieri di essere populisti, quindi avanti così, ci ritroveremo tra 5 anni con l’Italiano imbruttito decisamente peggiorato

ATTENZIONE

Se hai letto fino a questo punto probabilmente soffri di qualche disturbo non ancora individuato dalla medicina moderna.

Oppure potrebbe esserti piaciuto quanto ho scritto e questo è ancora più grave. Se vuoi continuatri a fare del male seguimi attraverso i link o il modulo nel sito. Se vuoi fare del male anche agli altri CONDIVIDI questo articolo.

Se non sei d’accordo in tutto o in parte con quanto scritto sei del PD. Se dici di no è perché ancora non sai do esserlo.

E inutile che provi non c’è via d’uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *