Forse non si vuole rovinare la festa, ma mentre stiamo ad ascoltare resoconti sui salemelecchi di Renzi alla preside d’Europa e dello sforamento del rapporto deficit-PIL, se si, se no e +0,3% ecc. a Lampedusa la situazione si sta scaldando velocemente. Strano che, a parte quotidiani on-line e media locali, la notizia sembra non essere notizia per i media nazionali, ipnotizzati e completamente assorti nel fenomeno del momento.Nelle 48 ore tra il 18 e il 19 marzo sono ripresi gli sbarchi con numeri considerevoli ed in anticipo rispetto agli anni scorsi, complice probabilmente le condizioni meteo favorevoli. Solo nelle due giornate sono sbarcati a bordo di motovedette 2100 immigrati ed un altro barcone con 100 persone a bordo è stato intercettato da un aereo in ricognizione.
Magari è il caso di occuparci anche di questo tralasciando buffonate ed annunci roboanti tipo la vendita on-line di 1 seicentesimo delle auto blu?
Dal governo del fare mi aspetterei una risposta seria sulla gestione del problema immigrati. Si accettano anche consigli da Angela che non contemplino il “non sono problemi nostri”. Speriamo venga messo in agenda per un fine settimana tra una riforma e l’altra. Visti i tempi previsti per le altre potremmo auspicare una soluzione definitiva. Intanto gli abitanti di Lampedusa aspettano e votano. Ormai ci sono abituati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *